lunedì 5 dicembre 2016

I mercatini di Natale di santa Maria Maggiore

 
 
Ebbene sì: mi troverete qui il prossimo week end. Insieme ad Antonella!
Io sono emozionatissima, perché un mercatino così non l'ho mai fatto...
 
 
 
 
Se volete più informazioni, cliccate QUI!!!
 
ciao!

lunedì 21 novembre 2016

I mercatini di Natale

Inizia la stagione dei mercatini di Natale.

Primo appuntamento a Fiorano Modenese: vi aspetto il 26 e il 27 novembre!

 
 
Ciao!

lunedì 24 ottobre 2016

Colpi di fulmine!

 
Sono soggetta ai colpi di fulmine (in campo hobbystico), ormai lo sapete!
Quando ho visto il tutorial che potete trovare QUI non ho resistito perché trovo adorabili queste scatoline!

 
LecosediLe.blogspot.it
 
 
Le ho realizzate seguendo le misure indicate nel tutorial e devo dire che il risultato finale mi piace molto.
 
LecosediLe.blogspot.it
Per completarle, ho inserito un piccolo rialzo interno realizzato con la stessa carta utilizzata per il coperchio. Se l'oggetto che dovete inserire nella scatolina è di piccole dimensioni vi consiglio questo piccolo accorgimento oppure potete ridurre le dimensioni dell'intera scatola.

Ciao!


martedì 11 ottobre 2016

Tutorial bracciale in macramè

Ve lo ricordate il bracciale di questo bracciale? Ve ne avevo parlato qualche tempo fa. Finalmente ho realizzato il tutorial che trovate qui di seguito!
Vi ricordo che, per stamparlo in pdf, è sufficiente cliccare sul titolo del post e in basso apparirà l'icona 'print friendly'
ciao!



Materiali
1 cerchio da 18mm
16 fili da 90 cm di s-lon
2 fili da 135 cm di s-lon
rocailles 8
rocaille 6
1 charm


1)Prendere i 16 fili da 90 cm nella loro metà e annodarli sul cerchio di metallo come nell'immagine.
Il bracciale è simmetrico per cui nel tutorial spiegherò solo la prima parte che poi verrà ripetuta sul lato opposto.
Una volta montati i fili, che ora sono raddoppiati, dividiamoli: 16 fili li teniamo da parte e lavoriamo con i restanti 16.
Dividiamoli a loro volta: 8 fili a destra e 8 a sinistra.



 




2)Iniziamo con la parte di sinistra.
Prendiamo uno dei fili da 135 cm nella sua metà. Questo filo diventa portanodi  ovvero il filo sul quale annodare gli altri 8 che diventeranno 'annodatori'.
Quindi facciamo un doppio nodo con ciascun degli 8 annodatori sul portanodi.
Eseguiamo lo stesso procedimento con i fili lasciati a destra.

A questo punto ci troviamo con i due portanodi nel centro del lavoro.
Prendiamo una perlina da 6 e facciamo passare al suo interno i due portanodi in modo che quello di sinistra vada verso destra e viceversa: la perlina rimarrà in verticale.
 


 




3)
Giro 1
Lavoriamo con i fili del lato sinistro.
Sul primo filo vicino al portanodi, inseriamo una perlina da 8 e facciamo un doppio nodo sul portanodi.
Con il secondo filo eseguiamo un doppio nodo sul portanodi.
Sul terzo filo, inseriamo tre perline da 8 e facciamo un doppio nodo sul portanodi.
Con il quarto filo eseguiamo un doppio nodo sul portanodi.
Sul quinto filo, inseriamo cinque perline da 8 e facciamo un doppio nodo sul portanodi.
Con il sesto filo eseguiamo un doppio nodo sul portanodi.
Sul settimo filo vicino al portanodi, inseriamo otto perline da 8 e facciamo un doppio nodo sul portanodi.
L'ottavo filo non va lavorato. Verrà eliminato a fine lavoro.







 
 Ripetiamo con i fili di destra.


 
Lavoriamo a sinistra.
Prendiamo il filo più a destra e usiamolo come 
portanodi. Su quest'ultimo eseguiamo un nodo doppio con i restanti fili.
Proseguire usando uno alla volta tutti i  fili successivi come portanodi.
A questo punto, tutti i fili portanodi si ritrovano a sinistra. 
Prendiamo il primo di questi fili a sinistra e usiamolo come portanodi su cui eseguire con i restanti sette fili un nodo doppio.

Ripetere sul lato destro gli stessi passaggi del punto 3.

Prendiamo una perlina da 6 e facciamo passare al suo interno i due portanodi in modo che quello di sinistra vada verso destra e viceversa, in modo che la perlina rimanga in verticale.
 

 
 
 
 
 
A questo punto, si tratta di ripetere i passaggi del giro 1 diminuendo progressivamente il numero delle perline e dei fili.

Giro 2
1 filo: una perlina da 8
2 filo: vuoto
3 filo: tre perline da 8
4 filo: vuoto 
5 filo: cinque perline da 8
6 e 7 filo: non lavorarli

Prendiamo il filo più a destra e usiamolo come portanodi  su cui eseguiamo un nodo doppio con i restanti fili.
Ripetiamo fino a esaurimento dei fili.
Usiamo il filo più a sinistra come portanodi su cui eseguiamo un doppio nodo con i restanti fili.

Eseguiamo specularmente a destra.
 
Prendiamo una perlina da 6 e facciamo passare al suo interno i due portanodi in modo che quello di sinistra vada verso destra e viceversa, in modo che la perlina rimanga in verticale.


Giro 3
1 filo: una perlina da 8

2 filo: vuoto
3 filo: tre perline da 8
4 e 5 filo: non lavorarli
 
Prendiamo il filo più a destra e usiamolo come portanodi  su cui eseguiamo un nodo doppio con i restanti fili.
Ripetiamo fino a esaurimento dei fili.
Usiamo il filo più a sinistra come portanodi su cui eseguiamo un doppio nodo con i restanti fili.

Eseguiamo specularmente a destra.
Prendiamo una perlina da 6 e facciamo passare al suo interno i due portanodi in modo che quello di sinistra vada verso destra e viceversa, in modo che la perlina rimanga in verticale.
 







4) A questo punto lavoriamo solo con i due portanodi passati attraverso la perlina da 6 e i fili contigui. 
Sul filo di sinistra (lo chiamiamo Z) inseriamo una perlina da 8 e facciamo un doppio nodo sul portanodi.
Portiamo Z a sinistra del portanodi e facciamo un doppio nodo.
Ripetiamo a destra.

Facciamo un doppio nodo usando il portanodi di destra come portanodi.

Inseriamo su ognuno dei fili esterni una perlina da 8.
Eseguiamo due nodi piatti.
 






A questo punto giriamo il lavoro.
Inseriamo una perlina da 6 su ciascuno dei due portanodi da 135 cm rimasti in sospeso e ripetiamo tutti i passaggi dal punto 2) al punto 4).

Chiusura
Fissiamo il lavoro a rovescio.
Facciamo sovrapporre i fili portanodi centrali.
Con un altro pezzo di filo eseguiamo sei nodi piatti in modo che i quattro portanodi restino all'interno e possano scorrere.
Su ogni portanodi  facciamo un'altra nodino.

Eliminiamo tutti i fili in eccesso e abbelliamo con un charm.
 

martedì 27 settembre 2016

Mercatini e dintorni

Settembre è agli sgoccioli con tre mercatini all'attivo.
 
Ed è urgente il desiderio di tirare le somme perché al di là del venduto (e non venduto) in queste occasioni è importante anche guardarsi attorno. E io l'ho fatto, con occhi nuovi però. E credo di avere imparato qualcosa (non tutto)!

 

I tre mercatini erano molto diversi l'uno dall'altro: la sagra della zucca di Osmate, il festone di Carugate e il Popcorn Garage Market a Milano.
E' passata tantissima gente, più o meno interessata, più o meno pronta ad accettare che il prodotto non fosse la solita 'cineseria' con i relativi prezzi...
Allora la prima domanda è stata: ma quello che propongo è interessante? La risposta è un NI. Perché sono consapevole di creare cose belle, ma se poi butto l'occhio sul mio banchetto la prima cosa che penso è: disordine! Ovvero: tanti gioielli, tutti belli, tutti diversi, tutti colorati... e già sistemarli sul tavolo crea qualche difficoltà.
 

 
Questa sensazione si è acuita guardando gli altri banchetti: ce n'erano alcuni splendidi sotto tutti i punti di vista: l'esposizione, il prodotto, l'originalità (non necessariamente in quest'ordine).
Ed è scattato qualcosa. Ho capito che, se voglio fare mercatini e parlo di mercatini di qualità, devo ripensare tutto.  
 
 
'Omogeneità' è il termine giusto. Creare non solo per il semplice gusto di farlo ma anche con una progettualità che, mi rendo conto, mi manca.
 
Insomma si sa che settembre è un mese pieno di ispirazione, giusto?
Ciao!