Post

Perlinando un po'

Immagine
A volte capitano cose inaspettate.

Come svegliarsi una mattina e pensare: oggi perlino! Da quanto tempo non lo faccio? Forse troppo. Chissà se mi ricordo ancora come si fa... ma sì certo che mi ricordo!

E così dopo qualche prova, è nato questo piccolo ciondolo:



Molto geometrico nella forma, ma io lo trovo delizioso. Mi piacciono i gioielli 'compatti' quelli che quando li ho in mano hanno una consistenza e questo sta addirittura in piedi!!!
Ho in programma di realizzarne altri in diversi colori.

Se vuoi vedere qualche dettaglio, è già disponibile sullo shop etsy.

Lo stile degli altri

Immagine
Primo post dell'anno 2018.

Lo so che mi davi per dispersa e invece ci sono, sotto sotto ci sono sempre stata. Perché anche nei periodi di assenza, il mio blog in qualche modo è sempre nella mia testa.

Vorrei farti conoscere alcuni artisti nei quali mi sono imbattuta nella mia ricerca sull'art journaling.
Sono artisti a tutti gli effetti, quelli che non appena vedi una loro creazione non puoi non riconoscerne l'autore!

Eccoli, in rigoroso ordine sparso;-)

Rebecca Blair




Dina Wakley


Josè Naranja



Belli vero? Ogni volta che ammiro quel che fanno, mi sento contenta!
E tu li conosci già? Hai un preferito?
Ciao

Dell'inconcludenza

Immagine
Forse è un po' presto  per fare il punto della situazione sulle ultime attività intraprese, ma in questi giorni (sarà novembre?) mi capita spesso di stare con le mani in mano e pensare che i conti non tornano.



Guarda la fotografia di questo post.
E' un kit per principianti per imparare lo zentangle. Non ci ho pensato due volte: l'ho comprato.
Inizia una nuova avventura?
Inizio sempre nuove avventure. Iniziare sempre qualcosa di nuovo sta diventando il mio hobby.

E' un continuo iniziare senza andare a fondo. Sono diventata un'inconcludente.

Capito cosa sta succedendo, la domanda vera è PERCHE'???

Ecco, questo non lo so ancora.

Tu che ne pensi? A te è mai successa la stessa cosa?

Hobby Show: esserci o non esserci?

Immagine
Arriva due volte all'anno (a Milano).
E ogni volta ci vado.

Ci vado perché mi piace respirare quell'atmosfera, quel trovarci così in tanti appassionati del fatto a mano, più o meno creativo.
Ed è divertente scambiare chiacchiere con sconosciuti che condividono quest'amore con te!

Ci vado anche se qualche volta rimango delusa, perché molti stands sono sempre gli stessi, a tutte le edizioni. E ci trovi sempre le stesse perline, lo stesso feltro. Spesso le stesse idee.

Però capita di scoprire, se non qualcosa di nuovo, qualcosa di diverso e meritevole.

Questo signore lavora al tornio (Mondo ceramica):


E poi ritorna il merletto, in più di uno stand. Questa fotografia è stata scattata in quello dell'Associazione culturale accademia merletti di Cantù:


E un'altra arte antica, la legatoria:


Allo stand di Cose di Carta c'era Nunzia che teneva corsi come quello cui ho partecipato io: ho realizzato l'agenda 2018 con copertina in stoffa che vedi nella fotografia. 
Poi …

ArtJournal - parte I

Immagine
Cos'è un artjournal?
Qualche accenno lo hai trovato in questo post.
Ancora non lo sapevo, ma quello è stato l'inizio di un viaggio entusiasmante.



Se cerchi su google o su qualsiasi social, scoprirai un mondo meraviglioso di immagini.
Io ho iniziato creando  questa bacheca su pinterest. E il passo successivo è stato creare.

Cos'è un artjournal? E' un diario visivo delle proprie emozioni, della propria vita.



Perché mi piace? Perché puoi farci quello che vuoi, puoi usare le tecniche che preferisci, non necessita di materiali specifici, puoi iniziare in qualsiasi momento.
Perché non importa se sei bravo oppure no, quel che conta è esprimerti.



In agosto ho deciso di partecipare a un challange su instagram #augustwithajournal organizzato da @megjournals e @agirlwithajournal, nonostante io sia una principiante. Ogni giorno del mese aveva un tema e bisognava creare una pagina dedicata. Non sono riuscita ovviamente a fare tutte le 31 giornate, ma è stata un'occasione inter…

Questa pazza pazza plastica!

Immagine
Lo conosci lo shrink plastic, detto anche polishrink o plastic fou?

Io l'ho scoperto qualche tempo fa, nonostante sul mercato sia presente da diversi anni, e l'ho utilizzato per realizzare diverse creazioni.

Si tratta di fogli di plastica termoriducente ed è molto semplice e divertente da usare.

Ho provato i fogli trasparenti, quelli opachi e quelli neri. So che esiste anche in altri colori e anche una versione da usare con la stampante.

Tra le tre tipologie che ho testato, la mia preferita è quella opaca perché posso colorarla anche con i pastelli e perchè, una volta infornata, è quella che si riduce in modo più omogeneo.

Come si usa? Ecco un tutorial che ti spiega tutto:  disegni (tenendo presente che il disegno si ridurrà di circa la metà), colori, ritagli, cuoci in forno (o usando l'embosser) per qualche minuto.

Ecco qualche mio lavoro:


Ho realizzato il disegno con un pennarello indelebile, l'ho ritagliato in tre rettangoli uguali e ho praticato i fori per poterci …

Un vecchio quaderno per una nuova avventura

Immagine
Ho deciso di riprovarci, ho iniziato da capo il libro di Julia Cameron 'La via dell'artista'.



E' un'avventura di dodici settimane e che poi dovrebbe durare per tutta la vita. La Cameron fornisce un metodo per sbloccare la creatività.

L'idea di base è che ognuno di noi, a suo modo, è creativo. Bisogna però liberarsi delle zavorre che bloccano il flusso creativo e di cui spesso non ci rendiamo conto.

Come ti dicevo, avevo lasciato stare arrivata a due terzi del percorso. Ma ero arrabbiata, la trovavo un'inutile perdita di tempo. E ho lasciato lì.
Non so perché.
Eppure l'autrice ti avverte: stai attento, a un certo punto ti sentirai frustrato e vorrai lasciar perdere; insisti perché vuol dire che sta cambiando qualcosa... e io ovviamente ho lasciato perdere.

Ora è arrivato il momento di riprovarci.
La tecnica quotidiana è quella di scrivere tre pagine al mattino. Ogni mattino 'tre pagine di qualunque cosa attraversi la vostra mente: tutti qui. Se non r…